Ricostruzione Cinematica di un sinistro tra due vetture

Richiedi consulenza

Osservazioni  sulle modalità del sinistro stradale avvenuto il 16.06.2001 alle ore 15.30 in via C.A.Vecchi di Ascoli Piceno fra la Opel Corsa con targa  di proprietà XXXXXX e la FIAT Tipo con targa            condotta da  ………………

DAL RAPPORTO DEI CARABINIERI

*    Lo schizzo planimetrico, nella sua globalità ( misurazioni e scala riproduttiva), Altrettanto eloquente, per la interpretazione che permette, l'avanzamento - retrocessione dei veicoli  dal predetto punto d'urto.
La localizzazione e propagazione delle deformazioni, per effetto diretto ed indotto, rivela e conferma ulteriormente la dinamica dell'evento riscontrando l'angolo accentuato fra gli assi longitudinali dei veicoli nell'istante del loro contatto.

 E' quindi agevole stabilire la relativa posizione nell'istante dell'urto e la loro verosimile velocità in quell'istante anche in relazione all'evoluzione successiva dei loro spostamenti fino alla stasi:

*    la OPEL   appare compressa nella parte anteriore mediante una sollecitazione avente un modesto andamento antiorario.
*    la FIAT Tipo i Y10 appare danneggiata in corrispondenza dell'angolo anteriore di destra.

L'ubicazione ed andamento delle deformazioni indica un angolo relativo fra gli assi longitudinali dei veicoli di circa 45 °.

*     il punto d'urto rilevato dai Carabinieri insiste

ELEMENTI CERTI DISPONIBILI

•    Massa Renault                                       900 Kg
•    Massa Autobianchi con due adulti e due bimbi a bordo   1000 Kg
•    Spazio percorso  dai veicoli  dopo la collisione, nel senso di marcia della Renault: circa 3 m
Ciò indica che la Renault, nonostante avente massa di oltre il 10% inferiore alla Y 10, possedeva però Ec superiore a quest'ultima in virtù dell'elevata differenza di velocità.
•    Verosimile velocità tenuta dalla Y 10 all'urto: circa 40  Km/h =  11 m/sec
 
Analisi dei Lavori compiuti dalla Renault:

L1 (per arrestare la Y 10) Ec = 1/2 m v² = 1/2 x 1000 x 11² = 60.500 J
L2 (compiuto simultaneamente dai veicoli nei circa 3 m percorsi dopo la collisione: 1900 x 9.81 x 0.3 x 3 = 16.775 J.
L3 (energia dispersa dalla Y 10 nell'arrestarsi, a ritroso, contro il tombino): dal grado delle deformazioni contro un corpo indeformabile si può attendibilmente stimare in almeno 2  m/sec.

Pertanto dalla v = √ 2 L  = √2 x 77.225 = √171 = 13m/sec = 47 Km/h
                               M            900
Da integrare dei 2 m/sec di cui sopra, ovvero circa  7/10 Km/h , per una velocità di uscita dall'urto, della Renault,  di circa 50 -  55 Km/h.

Ma tale risultato è soltanto provvisorio essendo esso da integrare della velocità equivalente all'energia dispersa nella collisione.
Dalla tipologia e rilevanza dei danni subiti dai veicoli, e facendo anche riferimento all'esperienza delle deformazioni subite dalle automobili nelle prove di crash a velocità standardizzate, è verosimile che la Renault abbia diminuito la propria velocità di almeno 10 m/sec, ovvero di 35 Km/h e pertanto, sommando al valore precedente di 50 - 55 Km/h, si ottiene che la Renault marciava ad una velocità approssimativa di 85  Km/h.  
E' però possibile una verifica maggiormente attendibile:
Calcolata l'Ec dispersa nella collisione attraverso la Ec = 1/2 m x M x 0.7 (11 + 25)² e sostituendo
                                   m + M
226.966 J
Certo che la Y 10 è stata oggetto fisicamente passivo nella dinamica dell'evento, essendo stata arrestata e respinta dalla Renault: sommando l'Ec impiegata da quest'ultima (281.000 J a 85 Km/h) e quella posseduta dalla Y 10 in libera marcia (60.500J), Mettendo il risultato (341.500 J) in relazione a quella dispersa nella collisione, quando ha diminuito la sua velocità di circa 10 m/sec, e risolvendo quindi 341.500 : 226.966 = 281.250 : x ; per x = 186.920 J  ne risulta che la velocità iniziale della Renault è la risoluzione della v =√ 2 Ec/m =  √2 x 186.920/m = √418  =  21 m/sec = 76 Km/h
Valore non troppo discostante, considerati gli apprezzamenti,   da quello precedentemente ottenuto.

CONCLUSIONI
*    La collisione è avvenuta sulla corsia di pertinenza e percorsa dalla Y 10 condotta dal Marinelli  mentre questa si trovava in regolare posizione  pressochè parallela all'asse stradale
*    La  Renault, in accentuato sottosterzo, ha invaso la corsia opposta colpendo la Y 10 con un angolo di non meno di 30 °.
*    La velocità tenuta, in libera marcia, dai veicoli protagonisti era di circa 40 Km/h per la Y 10 e di circa 80 Km/h per la Renault.
•    E' palese l'nfrazione,  da parte della Cameli,  all' art. 141/ 1° e 3° ( E' obbligo del conducente regolare la velocità del veicolo in modo che, avuto riguardo alle caratteristiche……ed alle condizioni della strada …..sia evitato ogni pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose )  (in particolare il conducente deve regolare la velocità nei tratti di strada a visibilità limitata, nelle curve, nelle discese …….nei casi di insuffiuciente visibilità per condizioni atmosferiche…..) ed all'art. 143/1° e 12°(i veicoli devono circolare sulla parte destra della carreggiata e in prossimità del margine destro della medesima, anche quando la strada è libera) - (chiunque circola contromano in corrispondenza delle curve……ovvero percorre la carreggiata contromano…..) 
•    Infrazioni perfettamente pertinenti alla condotta di guida della Cameli in presenza di segnaletica verticale indicante:
1.    Doppia curva pericolosa
2.    Cunetta o dosso
3.    Limite di velocità di 50 Km/h